incontentabili?!?

TITOLO: le verità della vita
A New York è stato aperto un nuovo negozio dove le donne possono scegliere e comprare un marito.
All’ entrata sono esposte le istruzioni su come funziona il negozio:

– Puoi visitare il negozio SOLO UNA VOLTA.

– Ci sono 6 piani e le caratteristiche degli uomini migliorano salendo.

– Puoi scegliere qualsiasi uomo ad un piano oppure salire al piano superiore.

– Non si può ritornare al piano inferiore.

Una donna decide di andare a visitare il Negozio di Mariti per trovare un compagno.

Al primo piano l’ insegna sulla porta dice:

– Questi uomini hanno un lavoro.

La donna decide di salire al successivo. Al secondo piano l’ insegna sulla porta dice:

– Questi uomini hanno un lavoro e amano i bambini.

La donna decide di salire al successivo. Al terzo piano l’ insegna sulla porta dice:

– Questi uomini hanno un lavoro , amano i bambini e sono estremamente belli.

“Wow” pensa la donna , ma si sente di salire ancora. Al quarto piano l’ insegna sulla porta dice:

– Questi uomini hanno un lavoro , amano i bambini , sono belli da morire e aiutano nei mestieri di casa.

“Incredibile” esclama la donna , “Posso difficilmente resistere!”. Ma sale ancora. Al quinto piano l’ insegna sulla porta dice:

– Questi uomini hanno un lavoro , amano i bambini , sono belli da morire, aiutano nei mestieri di casa e sono estremamente romantici.

La donna è tentata di restare e sceglierne uno , invece decide di salire all’ ultimo piano.

Sesto piano:

– “sei la visitatrice N° 31.456.012 di questo piano , qui non ci sono uomini , questo piano esiste solamente per dimostrare quanto sia impossibile accontentare una donna. Grazie di aver scelto il nostro negozio.”

Di fronte a questo negozio è stato aperto un Negozio di Mogli.

Al primo piano ci sono donne che amano far sesso.

Al secondo piano ci sono donne che amano far sesso e non sono rompi-coglioni.

I piani dal terzo al sesto NON SONO MAI STATI VISITATI

incontentabili?!?ultima modifica: 2008-04-03T15:15:00+00:00da mentreaspetti
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento